10.07.2020

Formazione di una legge

di nodopiano
Formazione di una legge

La formazione di una legge provinciale

La più importante funzione del Consiglio provinciale è certamente quella legislativa. Con lo sviluppo dell’autonomia nata nel 1948, la competenza legislativa della Provincia di Bolzano è andata continuamente ampliandosi. Ciò significa che gli ambiti di competenza nei quali la Provincia ha facoltà di approvare proprie leggi sono diventati sempre più numerosi.

Dal 1948 fino ad oggi (31.07.2010), il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano ha approvato più di 1400 leggi, raccolte nel Codice della Provincia autonoma di Bolzano, disponibile anche on-line nelle pagine della rete civica della Provincia (Lex-Browser).

Questi i 5 passi necessari per l’approvazione di una legge provinciale:

  1. Presentazione di un disegno di legge: L’iniziativa in merito alla presentazione di un disegno di legge provinciale spetta a ciascun/a consigliere/a, alla Giunta provinciale nonché, a determinate condizioni, al popolo. Per l’iniziativa popolare occorrono almeno 8.000 firme di elettori/rici iscritti/e nelle liste elettorali dei comuni della provincia ed aventi diritto al voto per le elezioni del Consiglio provinciale. Ogni proposta di legge deve pervenire al/alla presidente del Consiglio provinciale e deve consistere in un disegno di legge suddiviso in articoli, accompagnato da una relazione illustrativa.
  2. Esame del disegno di legge: Quando un disegno di legge arriva al Consiglio, il/la presidente lo fa esaminare dalla competente commissione legislativa. La commissione discute ed esamina il disegno di legge, elabora eventuali proposte di modifica e redige una o più relazioni conclusive. Tali relazioni vengono trasmesse al/alla presidente del Consiglio, che a sua volta le presenta all’intero Consiglio, inserendo il disegno di legge all’ordine del giorno.
  3. Discussione e approvazione: La trattazione del disegno di legge in Consiglio inizia con la lettura della relazione accompagnatoria e della relazione della commissione.
    Segue una discussione generale sull’insieme della proposta e quindi una discussione su ogni singolo articolo. A questo punto possono essere presentate proposte di modifica del testo da parte dei/lle singoli/e consiglieri/e e dei membri della Giunta. Si procede quindi al voto per ogni singolo articolo.
    Una volta approvati tutti gli articoli, si procede alla votazione finale dell’intero disegno di legge, che avviene tramite scrutinio segreto.
  4. Promulgazione: Quando una legge provinciale è stata approvata definitivamente dal Consiglio, viene firmata (nel linguaggio tecnico si dice “promulgata”) dal/la presidente della Provincia.
  5. Pubblicazione ed entrata in vigore della legge: Dopo la sua promulgazione, la legge viene pubblicata in lingua italiana e tedesca sul Bollettino Ufficiale della Regione. La legge entra di norma in vigore 15 giorni dopo la sua pubblicazione. Un particolare interessante: il Bollettino Ufficiale della Regione autonoma Trentino – Alto Adige è consultabile gratuitamente online sul sito della Regione.
    Come appare chiaro dalla descrizione che abbiamo fatto, l’iter che dalla proposta conduce all’approvazione e all’entrata in vigore della legge è lungo e complesso, ma non potrebbe essere altrimenti, vista l’importanza e la delicatezza delle funzioni legislative.

Cos’è una legge?

Una legge è una disposizione obbligatoria emanata dallo Stato o, nel nostro caso, dal Consiglio provinciale. Essa pone delle regole al comportamento di tutta la popolazione. Le regole sono necessarie per il funzionamento della convivenza sociale, onde evitare ingiustizie e garantire l’ordine pubblico e privato. Chi non si attiene alle leggi infrangendole deve risponderne anche con sanzioni e punizioni.

Ma le leggi non sono solo divieti, punizioni e limitazioni delle libertà personali. Esse sono in realtà un requisito indispensabile per garantire il bene comune e i giusti rapporti tra le persone.

Per questo l’elaborazione e l’approvazione delle leggi, competenze che in Alto Adige appartengono al Consiglio provinciale, rappresentano compiti importanti e delicati.