Vuoi ballare con me?

di Petra Caldonazzi - Redakteurin

Il ballo di maturità è un momento molto speciale in ogni carriera scolastica. Per evitare che l’organizzazione diventi un incubo, il Team K chiede sostegno agli maturandi.

Maturaball

I balli della maturità sono nati in America oltre 150 anni fa. Non come un evento di danza, ma piuttosto come una sorta di processione in cui gli alunni delle ultime classi passavano di fronte alle loro famiglie, amici e conoscenti, o “passeggiavano”. Non è rimasto molto di questa tradizione, a parte il dress code e il nome “Prom Night”. In America il ballo di fine anno ha cessato da tempo di essere riservato ai maturandi, ora è organizzato per tutte le classi per ogni ordine d’età.

Divertente o travolgente?

A parte il fatto che il ballo di laurea delle scuole superiori non è organizzato per tutti i livelli scolastici come in America, per noi è importante almeno quanto lo è in America. Il ballo di maturità delle scuole superiori è un momento molto speciale in ogni carriera scolastica e altrettanto indispensabile come il viaggio di maturità delle scuole superiori. Nella stragrande maggioranza dei casi è un momento di gioia e divertimento. Purtroppo a volte è anche un momento di stress e di richieste eccessive.

Organizzare e ospitare un ballo di laurea delle scuole superiori non è un compito facile. A 18 anni chi ne sa abbastanza di burocrazia, requisiti legali, obblighi assicurativi o gestione di eventi su larga scala? Ma non è solo questa mancanza di esperienza che diventa una sfida. Idee diverse in una classe spesso portano a conflitti e discussioni profonde.

Supporto per maturandi

Al fine che il sogno del ballo di fine anno non si trasformi in un incubo alcune scuole hanno deciso negli ultimi anni di supportare i propri studenti nell’organizzazione e nel tenere nuovamente il ballo della maturità. Nascono così il “Max Valier Gala” del TFO Bozen, la “TouSo Night” del Liceo delle scienze sociali e dell’Istituto Tecnico per il Turismo o il “Kafka Gala” dell’Istituto economico di Merano. Supportare le scuole nell’organizzazione dei balli di maturità delle scuole superiori non è una novità. Fino a circa 20 anni fa era abbastanza normale che le scuole aiutassero ad organizzare le manifestazioni. Poi c’è stato un graduale ritiro dalle disponibilità di collaborazione, perché i balli degeneravano sempre più in “ubriacature collettive”.

Il consigliere Alex Ploner e i suoi colleghi del Team K accolgono con favore questo sviluppo dei balli di maturità e chiedono anche alla politica di sostenere gli studenti nell’organizzazione dei balli di maturità per le scuole superiori. Nella loro mozione chiedono che politica, scuola, prevenzione, genitori e comuni si siedano a un tavolo e creino le condizioni quadro affinché il ballo di maturità delle scuole superiori possa diventare il momento che dovrebbe essere per tutti gli studenti: un momento di gioia, divertimento e orgoglio.

“Una politica responsabile nel campo dell’istruzione e della cultura crea le condizioni di base affinché tali eventi e quindi i loro protagonisti non siano lasciati a sé stessi, nella consapevolezza dei problemi e dei pericoli che ne derivano. È giusto che i giovani e le giovani, in occasione dei “Maturaball”, facciano le loro esperienze personali, talvolta anche trasgressive, ma è importante seguirli e sostenerli in tutto questo. “ afferma Alex Ploner.

Nello specifico il Team K chiede alla Giunta provinciale di istituire un tavolo di lavoro sul tema “Balli di maturità / balli scolastici” e di motivare le scuole secondarie a offrire progetti di consulenza e sostegno alle classi terze e quarte e che i maturandi possano essere supportati anche da insegnanti formati e con esperienza ed esperti nell’organizzazione. Questi esperti esterni dovrebbero essere incaricati dall’ufficio istruzione e il loro pagamento verrebbe finanziato all’interno delle spese per l’istruzione dal bilancio provinciale.